bot_teca
bot_astro
bot_contact
 
           
           

When AVaspo - Audio Visual Asp of Poetry - made its presence felt in Lithuania's experimental scene, it was clear that it was what had long been missing.

Given an unmistakable sense of direction by its lead figure – poet and playwright Gabrielė Labanauskaitė, this fluid collective brings the talents of some of Lithuania's most noteworthy composers, multi-instrumentalists and video artists of the younger generation together in the melting pot of audiovisual poetry.

The poet's deadpan, alternately meditative and frenzied voice, hovering over an ocean of sounds and noises ranging from ambient to heavily percussive and dissonant, delivers free-form stories of a cold and somber world that nevertheless looks strangely alluring.

The audio visual poetry, is a complex and hybrid artistic expression which melts musical experimentation with poetry, video art and, at times, the narrative drama.

Thinking at AVaspo as a simple group of alternative music is impossible. AVaspo is a dynamic research project, open and alive. Initially born by the idea of a creative collaboration between Gabriele Labanauskaite and the three musical composers Vladas Dieninis, Antanas Dombrovskij and Aivaras Ruzgas, it exceeded its borders (in both audio and video versions) and - after having been well appraised in numerous Lithuanian Contemporary Art festivals - today the group is invited to perform its art in various music and art festivals all over in Europe.

L'album NERA OKEANO (THERE IS NO OCEAN) - produced by the Ministry of Culture of Lithuania - is the first important result of this experimental project that took shape in 2008 and saw its publication in 2009.

In 2013 it was released the new album Ocean is bleeding. While the last Avaspo's experimental landing concerns a theatrical performance entitled Gondii Syndrome. In this case Avaspo - with the dramaturgy of Gabriele Labanauskaite and the theatrical direction of Saule Norkute - has realized (October 2014) a performance focused on the issue of gender and its contemporary understanding.

http://en.avaspo.lt/

 

Quando gli AVaspo, Audio Visual Asp of Poetry - Vipera Audio Visuale della Poesia - hanno fatto la loro comparsa sulla scena sperimentale della Lituania nel 2008, è stato immediatamente chiaro che si trattava di qualcosa di cui da tempo si avvertiva la mancanza.

Grazie alla figura guida di Gabriele Labanauskaite – poetessa, drammaturgo e performer - capace di condurre un'abile azione di regia e coordinamento, questo collettivo fluido coinvolge alcuni tra i più notevoli talenti (compositori, multi-strumentisti, video artisti) delle giovani generazioni lituane, unendoli nel melting pot della poesia audiovisuale.

Dai molteplici sibili di questa avvolgente e ammaliante Vipera, la voce impassibile del poeta - alternativamente meditativa e frenetica - si libra sopra un oceano di suoni e rumori che vanno dall'ambient al fortemente percussivo e dissonante, pronunciando liberi racconti di un mondo freddo e cupo - e tuttavia - stranamente attraente.

L'Audio Visual Poetry, poesia audio visiva, è una complessa espressione artistica che fonde la sperimentazione musicale con la poesia, la video arte e, a tratti, la narrazione teatrale.

Intendere gli AVaspo come semplice gruppo di musica alternativa è impossibile. AVaspo è un progetto di ricerca dinamico, aperto e vivo. Nato inizialmente dall'idea di una collaborazione creativa tra Gabriele Labanauskaite e i tre compositori musicali Vladas Dieninis, Antanas Dombrovskij e Aivaras Ruzgas, ha superato i suoi confini (sia con le versioni audio che con le versioni video) e oggi è una realtà invitata a rappresentare la sua arte in vari festival musicali e artistici in Europea.

L'album NERA OKEANO (NON C'E' OCEANO) - prodotto dal Ministero della Cultura della Lituania - è il primo importante risultato di questo sperimentale progetto che ha preso corpo nel 2008 e ha visto pubblicazione nel 2009.

Nel 2013 è uscito il nuovo album Ocean is bleeding. Mentre l'ultimo approdo sperimentale degli Avaspo riguarda uno spettacolo teatrale dal titolo Gondii sindrome. In questo caso gli Avaspo - con la drammaturgia di Gabriele Labanauskaite e la direzione teatrale di Saule Norkute - hanno realizzato (Ottobre 2014) una performance incentrata sulla questione del genere e la sua contemporanea comprensione.

http://en.avaspo.lt/