bot_teca
bot_astro
bot_contact
 

Pramantha Art take part in PHOTISSIMA Art Fair Turin 2014 by presenting Maria Sartori Spenser's photographic work, with a solo exhibition entitled Simple Reflections. The photographs cover a selection of nine photographs, taken between 2013 and 2014. Digital Photography, large scale, made by iPhone and printed on Starcell.

Generally, the images produced by Maria Sartori Spencer tell the city of New York related to her own free perception, from the perspective of her daily crossing a segment of the city, starting from Brooklyn and coming to the United Nations Plaza. Regardless of any label or constraint narrative, Maria Sartori Spencer's photographs jump from the urban landscape to street photography, from an abstract and objective language to an expressionistic and subjective language, recording, basically, the paths beaten by her eyes.

With Simple Reflections, the most sensational city in the world is sucked into hidden vortices, almost space-time passages, which are captured in materic compositions where asphalt, water and light become some variable constants through which you can see the dimention of a reality completely reversed (in architecture, in geometry, in contrasts, in vision). Simple Reflections are like dream images that come directly from the more common reality that we know: the walkable one.

Simple Reflections are like pits and mirrors which Maria Sartori Spencer sees/creates in the worn paths of her routine, from which it seems possible to hear Alice's voice, sulky and angry, saying to the cat: «If I had a world of my own, everything would be nonsense. Nothing would be what it is, because everything would be what it isn't. And contrary wise, what is, it wouldn't be».

Text by Maria Rosaria Gallo

 

Pramantha Arte partecipa a PHOTISSIMA Art Fair Torino 2014 presentando il lavoro fotografico di Maria Sartori Spenser, attraverso una personale dal titolo Simple Reflections.

Gli scatti riguardano una selezione di 9 fotografie, scattate tra il 2013 e il 2014. Fotografie digitali di grandi dimensioni, realizzate con iPhone e stampate su starcell.

Generalmente le immagini prodotte da Maria Sartori Spencer raccontano la città di New York legata alla sua personale e libera percezione, dalla prospettiva del suo quotidiano attraversamento di un segmento di città, partendo da Brooklyn e arrivando alla United Nations Plaza. Incuranti di qualsiasi etichetta o vincolo narrativo, le fotografie di Maria Sartori Spencer saltano dal paesaggio urbano alla street photography, da un linguaggio astratto e oggettivo ad un linguaggio espressionistico e soggettivo, registrando, sostanzialmente, i percorsi battuti dagli occhi dell'artista.

Con Simple Reflections la città più sensazionale del mondo viene risucchiata in vortici nascosti, quasi varchi spazio-temporali, catturati in composizioni materiche dove asfalto, acqua e luce rappresentano quelle costanti variabili attraverso cui si scorge la dimensione di una realtà totalmente ribaltata (nelle architetture, nelle geometrie, nei contrasti, nella visione). Simple Reflections sono immagini oniriche che arrivano direttamente dalla realtà più ordinaria che ci sia: quella calpestabile.

Simple Reflections sono i pozzi e gli specchi che Maria Sartori Spencer scorge/crea nei sentieri consumati della sua routine, da cui pare di udire la voce imbronciata e rabbiosa di Alice che dice al gatto: «se io avessi un mondo come piace a me, là tutto sarebbe assurdo: niente sarebbe come è, perché tutto sarebbe come non è, e viceversa».

Testo di Maria Rosaria Gallo